Ipermetropia nei bambini: cause, sintomi e guarigione

ipermetropia nei bambini

L’ipermetropia è un difetto visivo per la quale i raggi di luce provenienti da oggetti posti all’infinito, anziché arrivare correttamente sulla retina dell’occhio, si focalizzerebbero in una zona dietro di essa, rendendo quindi sfocata la visione. Si tratta di una condizione fisiologica alla nascita ma che poi, nel corso degli anni deve andare a risolversi da sola, altrimenti è necessario consultare uno specialista. L’ipermetropia nei bambini è molto diffusa, ed è caratterizzata da una visione sfocata degli oggetti vicini e posti a media distanza e da una visione nitida degli oggetti lontani. L’ipermetropia, se trascurata, può portare affaticamento degli occhi e difficoltà di apprendimento, fino a causare l’esotropia accomodativa, ovvero quella condizione per cui gli occhi si incrociano per cercare di compensare l’errore di rifrazione.

Ipermetropia bambini: cause

Tra le cause maggiori di insorgenza di ipermetropia nei bambini gioca sicuramente un ruolo importante l‘aspetto ereditario. Si stima che circa il 50% della presenza di questo disturbo dipenda della genetica. Quando i genitori presentano (o hanno presentato) lo stesso difetto visivo, è consigliabile prestare maggiore attenzione e aumentare i controlli periodici. Più raramente l’ipermetropia può essere l’esito di complicanze durante la gravidanza o di malattie della crescita.

Ipermetropia sintomi

I primi sintomi che possono mettere in allarme i genitori sono:

  • mal di testa frequente,
  • visione sfocata quando si concentra la vista su oggetti a breve distanza
  • affaticamento e sfregamento degli occhi
  • problemi di lettura e strabismo
  • anisometropiasi presenta quando i due occhi hanno una differenza marcata di diottrie e il cervello tenderà a prendere come riferimento le immagini dell’occhio più forte (disturbo dell’occhio pigro)

Ipermetropia come correggerla

Come già detto, l’ipermetropia è molto diffusa tra i bambini ed è un difetto visivo che si corregge da solo nel tempo. Qualora questo non avvenisse è importante effettuare delle visite con uno specialista e ricorrere, se necessario, a occhiali da vista correttivi. Solitamente viene richiesto ai bambini di indossarli durante la lettura o quando devono concentrarsi su oggetti molto vicini. Gli occhiali per bambini, molto spesso fastidiosi da portare anche per noi adulti, per essere efficaci devono essere indossati per la maggior parte del tempo. Per rendere il tutto meno difficoltoso è importante che rispecchino alcune caratteristiche che li rendano più sopportabili per i piccoli pazienti: devono adattarsi ai loro volti, avere montature morbide e colorate, comode e flessibili intorno alle orecchie, e lenti infrangibili.

Nei casi più gravi di ipermetropia c’è la possibilità di ricorrere alla chirurgia refrattiva. Si tratta di tecniche adatte agli adulti, per questo, se effettuate in giovane età, molto spesso sarà necessario ripeterle successivamente.

Per evitare di non arrivare in tempo alla diagnosi, si consigliano visite e controlli periodici già a partire dal primo anno di vita, in modo da prevenire o intercettare per tempo eventuali anomalie o alterazioni della vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *