Latte di soia in gravidanza: benefici e controindicazioni. Ecco cosa devi sapere

Latte di soia in gravidanza: benefici e controindicazioni. Ecco cosa devi sapere

I 0 mesi di gravidanza sono per la donna, un periodo piuttosto particolare sotto molti punti di vista.
Cambia il metabolismo e cambiano anche  le esigenze nutritive: diventa importante un apporto maggiore di nutrienti per far crescere al meglio il piccolo in grembo che si sviluppa pian pianino nell’arco dei mesi.

Il latte di soia è fra gli alimenti idonei da assumere in gravidanza?
Se siete mamme intolleranti al lattosio oppure vegane o, più semplicemente, non vi piace il latte vaccino, il latte di soia ha utili nutrimenti e importanti benefici a disposizione delle gestanti.

E’ un latte ricco di sostanze nutritive necessarie per la crescita del bimbo, di vitamine sopratutto.

Ma è sicuro? Quali sono le principali caratteristiche che lo rendono buono da consumare in dolce attesa?

Leggi anche:

Soia in gravidanza: quali rischi si corrono? E’ possibile consumarla? Il parere dell’esperto

Fermenti lattici in gravidanza: si possono assumere? Ecco il parere dell’esperto

Allergie nei neonati: cosa sono e come cercare di evitarle

latte di soia in gravidanza

Latte soia in gravidanza : caratteristiche e benefici

Il latte di soia è una fonte ricca di calcio ed aiuta nella prevenzione dei coaguli di sangue.

Buono per la formazione di ossa e denti forti oltre alla funzione muscolare.

Durante la gravidanza, una donna necessita di 1.000 – 1.300 mg di calcio al giorno, questo latte è un’ottima risposta a questa necessità.
Il latte di soia contiene anche ferro e zinco oltre ad essere arricchito di alcune vitamine come la A, D e B12.

Un altro grande vantaggio del latte di soia è che aiuta a controllare i livelli di glucosio nel sangue.

Possiede anche aminoacidi e proteine e contengono anche poche calorie.

Ha meno grassi, rispetto al latte di mucca e aiuta quindi nel mantenimento del livello del colesterolo contribuendo anche a minimizzare l’aumento di peso durante la gravidanza.

Latte di soia controindicazioni

Non ci sono tossicità a lungo termine dovute all’assunzione di latte di soia. Ma questo latte non è privo di alcuni effetti collaterali temporanei.

Ci riferiamo alle reazioni allergiche causate dall’ intolleranza agli isoflavoni di soia. Allora il consumo di latte di soia deve essere evitato.

I segni di una reazione allergica sono: nausea, vomito, difficoltà respiratoria o gonfiore.

Colpisce soltanto i soggetti predisposti, quindi ma il latte di soia è considerato sicuro per il consumo anche durante la gravidanza e può essere incluso nella normale dieta di una mamma.

Gli isoflavoni di soia

Gli isoflavoni di soia sono delle sostanze di origine vegetale che strutturalmente e funzionalmente possono essere paragonati agli estrogeni.

Gli estrogeni vengono prodotti naturalmente dall’organismo.

Alcune ricerche hanno dimostrato che l’assunzione degli alimenti a base di soia possono essere di prevenzione e riduzione alle patologie come il cancro al seno, soprattutto se consumati in infanzia e durante l’adolescenza.

La soia contiene molti antiossidanti che possono aiutare a prevenire tutte quelle malattie croniche che sono associate allo stress ossidativo, cardiovascolari e diabete.

Allora può rappresentare una grande alternativa al latte £normale”, visto che soddisfa le esigenze nutrizionali di proteine, di calcio e delle vitamine A, D e B12, è un’ottima fonte di proteine e di calcio e, ha un basso contenuto di grassi saturi.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *