Malva in gravidanza: si può consumare? Quali sono i benefici e le controindicazioni

Malva in gravidanza: si può consumare? Quali sono i benefici e le controindicazioni

Tra i tanti cambiamenti che una donna affronta durante i 9 mesi di gravidanza, oltre quindi quelli psico-emotivi, cambia anche la stabilità corporea e può facilmente avere momenti di debolezza fisica o sintomi di malessere e spossatezza.

Tra i rimedi naturali, una tisana in gravidanza aiuta notevolmente in questo senso: viene consigliata senza dubbio la Malva silvestris, una pianta che appartiene alla famiglia delle Malvaceae, originaria del Nordafrica.
La si può coltivare in giardino, fiorisce in primavera – autunno, i fiori a 5 petali hanno la forma di cuore, una colorazione rosata e striature violacee.

È possibile utilizzare la malva in gravidanza sotto forma di tisana, come infuso o come decotto, proprio come altre tisane da bere in gravidanza, apporta numerosi benefici che vi andremo a dire qui di seguito.

Leggi anche:

Melissa in gravidanza: cosa dice l’esperto. Benefici e controindicazioni

Soia in gravidanza: quali rischi si corrono? E’ possibile consumarla? Il parere dell’esperto

Fermenti lattici in gravidanza: si possono assumere? Ecco il parere dell’esperto

malva in gravidanza

Proprietà e benefici della malva

Il termine malva deriva dal latino e significa “molle”, facendo riferimento alla sua capacità di ammorbidire.

Le sue proprietà principali sono nei fiori e nelle foglie, colmi di mucillagini, danno questi alla pianta, proprietà emollienti e antinfiammatorie.

Non solo, bere un infuso in gravidanza alla malva, con le sue proprietà curative,la rendono una pianta adatta alle donne in dolce attesa, ad esempio:

  1. allevia le infiammazioni delle mucose diventando un buon alleato contro tosse e mal di gola;
  2. aiuta a combattere afte, gengiviti e in generale infiammazioni del cavo orale;
  3. allevia i problemi di stomaco e di intestino;
  4. è uno dei migliori drenanti in gravidanza, quindi molto efficace contro il ristagno dei liquidi;
  5. combatte la stitichezza, la colite e le infiammazioni intestinali;
  6. è utile contro la cistite o le infiammazioni dell’apparato genitale;
  7. ottimi gli impacchi di infuso di malva sugli occhi quando sono affaticati, stanchi e doloranti
  8. ha una funzione cicatrizzante sulla pelle, che velocizza il processo di guarigione delle ferite, elimina gli arrossamenti della pelle, le punture d’insetto e le irritazioni.

Come consumare la malva in gravidanza?

Durante la gravidanza potete assumere e consumare la malva in vari modi, ognuno dei quali ti permetterà di  godere dei suoi benefici.

Puoi ad esempio preparare una tisana con la malva, ti aiuterà questa a beneficiare di tutte le sue proprietà.
Trascorso il primo trimestre della gravidanza, una calda tisana alla malva offre un effetto calmante naturale.

Per rendere i suoi benefici ancora più “funzionali”, puoi anche preparare una tisana alla malva e melissa.

O potresti preferire un decotto di malva, utile in caso di tosse, raffreddore e mal di gola.
Per quanto riguarda la malva durante l’allattamento, è meglio chiedere al pediatra, in quanto è meglio sempre evitare che si scatenino reazioni allergiche nel bambino.

Tisane in gravidanza

Oltre alla tisana di malva in gravidanza, tra i numerosi benefici offerti dalle tisane alle donne in dolce attesa, ci sono anche alcuni tipi di tisane che possono alleviare problemi fisici e legati alla stanchezza accumulata.

La tisana di altea,ad esempio, grazie alle proprietà congestionanti e antisettiche, è davvero un alleato in caso di cistite e stitichezza, molto frequenti in gravidanza.

La tisana alla melissa,pianta molto famosa in Oriente ma negli ultimi anni anche in Italia,  per la sua azione calmante. È indicata per curare l’ansia, oltre che disturbi intestinali,  allevia lo stato di nausea tipico della gravidanza.

Tisana alla camomilla, con le sue proprietà antispasmodiche, riesce a rilassare i muscoli e procura un piacevole senso di calma e di benessere.Nella camomilla ci sono anche le mucillagini, antinfiammatori che agiscono contro dolori e infiammazioni allo stomaco o all’intestino.

La tisana allo zenzero, con il suo potere depurativo, è  utile a combattere la nausea gravidica.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *