Prugne secche in gravidanza: si possono mangiare? Ecco la risposta dell’esperto

prugne secche in gravidanza

Sfatato il mito del ” si mangia per due“,una corretta alimentazione mentre si è in dolce attesa è la base del benessere di mamma e bambino. Ma cosa si può e cosa non si può mangiare in dolce attesa? Facciamo chiarezza sulle prugne secche in gravidanza e sui benefici di questo alimento!

Il periodo della gravidanza è per ogni donna un percorso a sé: ci sono donne che vivono i classici malesseri dei primi mesi quasi fino al parto, altre invece sembrano quasi dimenticare di essere incinte da quanto stanno bene.

Che tu faccia parte della prima o della seconda fazione,disturbi tipici come cattiva digestione, gonfiore, spossatezza o quella naturale voglia di dolci che spesso domina il periodo, sono però caratteristiche che accomunano quasi tutte le donne in dolce attesa.

Assumere le prugne secche può essere un valido rimedio contro molte sofferenze o indisposizioni fisiche che le donne vivono durante il periodo più bello,la gravidanza appunto.

Segui una dieta quotidiana varia ed equilibrata

Va ricordata sempre l’importanza di seguire un’alimentazione sana, varia ed equilibrata in ogni momento, non solo in gravidanza: è la via più corretta per vivere bene i cambiamenti che il nostro corpo deve affrontare.
Corretta alimentazione quindi, insieme al giusto riposo, alternanza di pasti principali con piccoli spuntini semplici e bere molta acqua ogni giorno.

Leggi anche: 

Fesa di tacchino in gravidanza: si può mangiare? 

Mortadella in gravidanza: si può mangiare? Gli insaccati fanno male? 

Bresaola in gravidanza: si può mangiare oppure meglio evitare?

Benefici delle prugne secche in gravidanza

  • Per soddisfare un bisogno di dolce, essendo molto zuccherine ma senza l’aggiunta di zuccheri artificiali: come altre frutte secche, anche le prugne contengono dolcificanti naturali. Ricorrere ad esse per alleviare quella famosa “voglia di qualcosa di buono”, è un valido compromesso senza buttarsi su merendine e gelati.
  • Puoi preferirle a colazione per assumere l’ apporto di calorie e carboidrati che ti daranno la giusta energia per affrontare la giornata.
  • Inoltre la vitamina B6 e la Vitamina K e sali minerali come il manganese e rame contenuti nelle prugne, ti aiuteranno in caso di stress.

Consigliate in gravidanza,occorre sapere anche che le prugne secche in allattamento sono un autentico e motivato metodo anti-affaticamento proprio dopo aver partorito: apporteranno quella giusta dose di vitamine e sali minerali che aiutano a combattere gli sbalzi di umore tipici del post-partum e contribuiscono al senso di sazietà, aiutandoti a calmare così anche gli attacchi di fame.

prugne gravidanza

E le prugne fresche in gravidanza?

Tra i fastidi che le donne si ritrovano ad affrontare durante il periodo della gestazione, troviamo anche l’intestino pigro, accompagnato spesso da crampi muscolari.

Le prugne in gravidanza sono infatti consigliate da molti ginecologi ed ostetriche, proprio sulla base del loro alto contenuto di fibre e potassio: attraverso le prime, vi aiuteranno a ripristinare il buon funzionamento intestinale, il potassio invece concorrerà ad apportare benefici all’apparato cardiovascolare, facendovi mantenere i nervi saldi, ma soprattutto agiranno sui muscoli, proteggendo le cellule.
Se non potete consumare le prugne fresche perché sono fuori stagione ( è sempre meglio consumare frutta di stagione infatti come consigliano i nutrizionisti) o volete evitare i classici lavaggi spasmodici suggeriti per evitare di prendere la toxoplasmosi, le prugne secche sono il giusto compromesso: la versione disidratata di questa importante frutta, fa si che non si sviluppino muffe o batteri pericolosi se ingerite nel periodo della gravidanza.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *