Terzo trimestre di gravidanza: cosa bisogna aspettarsi

Terzo trimestre di gravidanza: cosa bisogna aspettarsi

Benvenuto ultimo trimestre di Gravidanza e senti che sei quasi arrivata al traguardo, stai per conoscere il tuo bambino finalmente o la tua bambina!
Oggi ti diremo tutto quello che devi aspettarti nel terzo trimestre di gravidanza, periodo che va dalla 28° alla 40° settimana di gestazione. Dopo la 40° settimana infatti si parla di Gravidanza oltre-termine.

Leggi anche:

Analisi del sangue in gravidanza: quali esami e quando vanno fatti

Sintomi Gravidanza: per scoprire quando sei incinta prima del test

Caviglie gonfie in gravidanza: quando preoccuparsi e tutti i rimedi

Terzo trimestre di gravidanza

Terzo trimestre gravidanza

Il terzo trimestre inizia dalla 28 settimane di gravidanza e termina alla 40°settimana.
In questo ultimi mesi di gravidanza, il pancione è sempre più ingombrante, il volume dell’utero infatti aumenta, come anche della placenta, il liquido amniotico e si irrobustisce il bambino che, nella maggior parte dei casi, si posiziona a testa in giù, in posizione cefalica, quindi pronto per nascere.

Il bambino si fa sentire sempre più forte, con tanti colpi e movimenti e questo dovete prenderlo come un segno di benessere e restare tranquille.

Terzo Trimestre Peso

Quando si entra specialmente nell’ultimo mese di gravidanza, l’utero è aumentato di peso e di volume, arriva a circa 800-900 gr contro i 50-60 gr di prima ed è passato da 7-8 cm a 35-36 cm.

Il suo volume dell‘utero è di 4-5 l., con il liquido amniotico che va da 500 a 1000 cc, la placenta ed il bambino.
Il controllo dei movimenti del bambino è importante perché sono un segno di benessere.

Negli ultimi 3 mesi si può ingrassare di 2,5-3,5 Kg , all’incirca 200-300 grammi alla settimana.

Ecco i principali sintomi che devi aspettarti nel terzo trimestre

  • mal di schiena accompagnato alle volte da dolore sciatico: dovuti al diverso peso distribuito sulla colonna vertebrale
  • arrivano le prime contrazioni e potresti avvertire dei dolorini al basso ventre molto simili a quelli del ciclo. Sono le prime attività contrattili uterine ed è la preparazione del corpo al travaglio e al parto.
  • più stanchezza in gravidanza: riposate il più possibile ed assecondate i vostri bisogni.
  • Aumento delle perdite bianche vaginali ;
  • Compressione sullo stomaco più difficoltà a  digerire aumentano i bruciori e l’acidità gastrica.
  • Compressione della vescica, da qui il bisogno di urinare più spesso
  • stipsi che si può contrastare con rimedi naturali o delle supposte che vi darà il ginecologo

Cosa mangiare nell’ultimo mese di gravidanza

Quando si entra nel settimo mese di gravidanza, fino al nono mese di gravidanza, il piccolo che cresce dentro di noi ha bisogno di proteine e ferro.
La mamma può mangiare uova, carne– in preferenza bianca perché più leggera-.
Da consumare anche il pesce( scegliete il pagello e la mormora, ricchi di ferro).

Evitare il consumo di sale negli ultimi mesi, visto che il peso è più considerevole causando fastidi alla pressione, contribuendo ad aumentare il gonfiore e il malessere alle gambe.

Anche nelle ultime settimane di gravidanza non si deve ovviare dal seguire un’alimentazione sana ed variegata, eliminando tutti i cibi che possono causare toxoplasmosi .

E’ preferibile mangiare alimenti più leggeri e digeribili, che altrimenti contribuirebbero all’ acidità gastrica e cattiva digestione.

Esami da fare in questo periodo

Tra gli esami che vanno eseguiti durante il terzo trimestre, all’infuori di quelli di routine, si aggiunge il monitoraggio del battito cardiaco fetale  dalla 40° settimana.

Consiglio del ginecologo:

Nelle ultime settimane di gravidanza è meglio riposare il più possibile e fare un’ attività fisica molto tranquilla, come camminare o nuotare.

Consigliatissimo anche il corso preparto per imparare tecniche di respirazione e fare esercizi per il pavimento pelvico.
Vanno evitati gli sforzi inutili e i lavori pesant.

Terzo trimestre in estate

Il caldo fa sentire le future mamme ancora più affaticate e spossate.
Bene l’aria condizionata con moderazione, cercate luoghi freschi, non uscite nelle ore più calde.
Al mare fate lunghi bagni rilassanti  e applicate sempre la crema solare ad alto fattore protettivo.
Mangiate cibi freschi e digeribili, tanta frutta e verdura e non dimenticate di bere almeno due litri e mezzo di acqua al giorno.

 

Siete giunte al termine: sicure? Una curiosità è che, dati statistici, confermano che solo 1 donna su 20 partorisce nella data presunta del parto.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *