Transaminasi in gravidanza: c’è da preoccuparsi se sono alte?

Transaminasi in gravidanza: c'è da preoccuparsi se sono alte?

Le transaminasi altro non sono che quegli enzimi prodotti dal fegato. In gravidanza le transaminasi sono soggette a controlli nelle analisi del sangue perché il fegato deve funzionare correttamente e occorre identificare eventuali anomalie tipiche nell’immediato per intervenire anche tempestivamente,problemi come ad esempio la preeclampsia.

Se aumentano le transaminasi, allora di solito è segno che esiste una qualche disfunzione del fegato, disfunzione che può essere di vari tipi. Nei casi gravi sono infezioni, come epatiti causate da virus HBV e HCV.

Al momento delle analisi del sangue dovrai prestare particolare attenzione soprattutto a due valori.

ALT: glutammato-piruvato transaminasi, che si trova nelle cellule del fegato, come nei reni, nella milza, nel pancreas e nel cervello
AST: glutammato-ossalacetato transaminasi,ch e si trova nel cuore, nei muscoli come ovviamente nel fegato.

Il problema sorge quando le cellule di uno di questi organi sopra citati ,il fegato sopratutto, subisce un danno.Questo allora lascia andare le transaminasi che vengono liberate nel sangue e i loro valori aumentano.
Tutto questo per spiegarvi perché vanno tenute sotto controllo e far caso al loto buon funzionamento.

Oggi nell’articolo andremo a vedere, nello specifico: come si svolge l’esame delle transaminasi, se c’è da preoccuparsi se il loro valore è alto, cause e rimedi.

Leggi anche:

Acidi biliari alti in gravidanza conseguenze, cause e fattori di rischio

Colestasi gravidica: quali rischi? Sintomi e cura

A meno che non parliamo di un valore alto lievemente che è causato da un malessere temporaneo, le transaminasi alte sintomi possono riguardare patologie del fegato o organi legati a lui, ci riferiamo a:

  • Steatosi epatica
  • Cirrosi
  • Colestasi
  • Epatite
  • Ischemia epatica
  • Tumore del fegato
  • Metastasi al fegato
  • Ostruzione delle vie biliari
  • Pancreatite
  • Necrosi al fegato
  • Danno da farmaci
  • Intossicazione
  • Alcolismo
  • Obesità

Ma le transaminasi non sono collegate solo al fegato, come descritto sopra. Se il loro valore risulta alto, potrebbe essere il segnale anche di altre malattie, come:

  • Celiachia
  • Allergie alimentari
  • Infiammazione muscolare
  • Mononucleosi
  • Ustioni
  • Trauma cranico
  • Malattia renale
  • Infarto
  • Infarto polmonare
  • Insufficienza cardiaca
  • Emolisi
  • Distrofia muscolare
  • Eclampsia
  • Metastasi alle ossa

Si può passare quindi da una banale allergia a problemi più gravi fino addirittura a tumori e malattie degenerative.

Porta tempestivamente il risultato delle tue analisi dal tuo medico per fargli interpretare il risultato e capire, sulla base di tutti i dati, quale potrebbe essere la causa nel tuo caso.

Transaminasi alte in gravidanza: e adesso cosa fare

Un leggero aumento dei valori delle transaminasi in gravidanza non deve destare preoccupazioni: se siete soggette ad altri problemi, non viene nemmeno preso in considerazione.

A volte anche mangiare cibi troppo ricchi di grassi o ipercalorici causa un aumento delle transaminasi, seppur temporaneo

Se l’aumento è considerevole però, potrebbe indicare diverse condizioni e, in questo caso, occorre fare altre ulteriori indagini. Potrebbe esserci dietro un’epatite o un’infiammazione del fegato, ma anche ad altre condizioni.

Come ad esempio la preeclampsia

Preeclampsia

Questa si manifesta con aumento delle proteine nelle urine e comporta una bassa crescita del bambino in grembo.

La preeclampsia si risolve solo con il parto, che spesso viene indotto prima del termine.

Tra le cause si trova: la colestasi gravidica, un’alterazione delle funzioni del fegato, la mamma avverte un prurito diffuso che interessa soprattutto il tronco e gli arti e diventa più forte durante la notte.

La colestasi intraepatica della gravidanza è più frequente nelle donne che hanno una  storia familiare o personale di colestasi intraepatica gravidica o di colestasi indotte da contraccettivi orali.

Si manifesta di solito durante il secondo trimestre  della gravidanza.

Il sintomo più manifesto è il prurito , ma anche, più di rado,  urine ipercromiche o, ancora più raramente, ittero.

Altre cause che comportano l’aumento dei valori delle transaminasi in gravidanza, si possono individuare nella sindrome HELLP: il fegato è coinvolto in questa sindrome in modo importante e compaiono:

  • nausea e vomito,
  • dolore all’epigastrio
  • dolore all’ipocondrio destro,
  • malessere generale,
  • cefalea

Nelle analisi troverete un aumento delle transaminasi ALT e AST con valori anche superiori a 4000 UI, aumento della birilubina in particolare della forma indiretta.

Transaminasi in gravidanza aumento: come comportarsi

Se in gravidanza le transaminasi sono alte, vanno eseguite altre analisi per individuare la causa: se si sospetta la preeclampsia è meglio fare ulteriori indagini di approfondimento.

Tra le indagini c’è la flussimetria doppler delle arterie uterine, utile per valutare l’eventuale presenza della preeclampsia o della gestosi.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *