domenica, Aprile 18, 2021
Home mamme Nidazione: che cos'è, quali i sintomi e quando fare il test di...

Nidazione: che cos’è, quali i sintomi e quando fare il test di gravidanza

La nidazione è una fase fondamentale per l’avvio di una gravidanza: ecco quando e come avviene, quali i sintomi e dopo quanti giorni dall’ovulazione si può fare il test di gravidanza.

Chiamata anche “impianto” o “annidamento”, è una delle prime fasi che conducono alla gravidanza: si tratta del momento in cui l’embrione si impianta nell’endometrio, il tessuto interno dell’utero.

Durante l’ovulazione, viene rilasciato un ovulo nella tuba di Falloppio,le tube che collegano le ovaie all’utero: è in questo percorso si possono incontrare gli spermatozoi e l’ovulo può venire fecondato.

Nel momento in cui l’ovulo è fecondato si forma uno zigote che, cresce di volume, giunge all’utero come “blastocisti”.

Dopo tre giorni dalla fecondazione, l’embrione è costituito da 16 cellule, mentre al 6°giorno arriva a 180. Una volta giunto nell’utero viene accolto nell’endometrio, qui si “annida” proprio e da qui il termine nidazione.

Nell’articolo spiegheremo meglio questo processo, quali sono i sintomi e dopo quanto tempo dalla nidazione è possibile fare un test di gravidanza attendibile e perché occorre aspettare.

Leggi anche:

Nidazione quando avviene e come

La fase della nidazione è breve, dura circa una settimana, e durante la quale si possono distinguere 3 momenti differenti.

In una prima fase l’embrione si avvicina all’endometrio e si accosta alla parete dell’utero.
Questa prima parte del processo è chiamata fase di adesione, aiutata dalle molecole di adesione dell’endometrio.

Nella seconda fase avviene l’attaccamento all’endometrio, mentre poi, nella terza fase si verifica l’ invasione, in cui l’embrione penetra all’interno dell’endometrio e si impianta definitivamente.

L’embrione, a quel punto, comincia a prendere nutrimento dall’utero.

La nidazione è un momento importante perché può avviare la gravidanza e non si manifesta allo stesso modo in tutte le donne: possono esserci nidazioni precoci oppure tardive ad esempio.

Certo è che è proprio dalla nidazione che la mamma inizia a produrre l’ormone Beta Hcg, importantissimo per la crescita del bambino in grembo e che insieme al progesterone terrà l’utero in buona salute, fornendo il nutrimento necessario per lo sviluppo del feto.

Nidazione Sintomi

I sintomi della nidazione sono vari e cambiano moltissimo da donna a donna.
A volte è possibile non avvertire nessun sintomo. Allora se desideri rimanere incinta, non preoccuparti se nei 15 giorni dall’ovulazione non hai avvertito alcun sintomo : non significa che tu non sia incinta!

Il sintomo più comune e più chiaro di avvenuta nidazione sono le perdite da impianto.

Nel momento in cui l’embrione si impianta possono esserci delle perdite di sangue molto simili a quelle del ciclo mestruale, ma che risultano meno abbondanti e più brevi. Non è un ciclo mestruale, ma essendo molto simile seppur blando, alcune donne le scambiano per mestruazioni.

Nel periodo della nidazione è anche possibile cominciare ad avvertire i classici primi sintomi della gravidanza:

  • tensione e dolore al seno,
  • nausea mattutina,
  • vomito,
  • crampi nella zona dell’utero,
  • dolori muscolari
  • dolori diffusi (soprattutto nella zona del basso ventre),
  • senso di stanchezza e di spossatezza, anche a riposo,
  • stitichezza,
  • nervosismo e sbalzi d’umore,
  • problemi di insonnia.

Nidazione Calcolo Giorni e Test di Gravidanza

Se stai cercando di fare il calcolo dei giorni dell’avvenuta nidazione,devi sapere che il processo di nidazione comincia tra il 6°e il 7° giorno dal concepimento e si conclude entro il 13°giorno.

Dal momento che la fertilità è massima nei 3 giorni precedenti all’ovulazione e nel giorno dell’ovulazione stessa, bisogna immaginare che il concepimento sia avvenuto in quella finestra di circa 4-5 giorni.

Ma prima d cominciare il tuo calcolo del periodo dei giorni fertili e dei giorni di nidazione, ricorda che i test di gravidanza cominciano a essere attendibili solo dopo il primo giorno di ritardo del ciclo.

Se hai fretta di sapere se sei incinta puoi fare un prelievo delle Beta hcg nel sangue, un esame che puoi svolgere a partire dal 9°giorno dopo l’ovulazione.
Sarà comunque utile fare lo stesso il test dopo il 1° giorno di ritardo del ciclo mestruale per confermare il risultato.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

RELATED ARTICLES

Babywearing: cosa significa portare in fascia i neonati?

Ultimamente è tornato alla ribalta un tema che, non ci crederete, in realtà esiste da secoli: il babywearing. Questa parola inglese non significa altro...

Permessi per gravidanza e maternità e i migliori lavori per le mamme: cosa c’è da sapere

Essere mamme e al contempo lavoratrici può risultare molto difficoltoso. Tra le ore da dedicare al lavoro, i figli da accudire e le faccende...

Tracciati in gravidanza: quando si fanno e perché. Quali i valori, ci sono rischi?

In gergo sono chiamati tracciati in gravidanza, invece il termine tecnico è cardiotocografia. Ma cosa sono? Sono monitoraggi, specificatamente fatti alla fine della gravidanza, per esaminare...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Esposizione solare in gravidanza: quali creme solari usare e come esporsi al sole

Per una donna incinta non è assolutamente vietato andare al mare ed esporsi al sole. Come per ogni cosa, però, è necessario farlo con...

Violenza ostetrica: come riconoscerla e come denunciare

La gravidanza e il parto sono momenti molto delicati che la donna affronta. Il corpo, così come la mente, vengono sottoposti a cambiamenti importanti....

Bambini e fumo: ecco quali sono i rischi

Che il fumo faccia male è un dato di fatto. Ma, il connubio fumo e bambini è assolutamente da evitare. Quando mettiamo al mondo...

Togliere il pannolino: meglio il vasino o il riduttore?

Quando per un genitore si avvicina il momento di togliere il pannolino al bambino, la domanda che si pone è: meglio il vasino o...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere