SALUTE E BENESSERE

Tonsille e adenoidi nei bambini: come riconoscerle e come si curano

Le tonsille e le adenoidi sono due piccole strutture presenti nel sistema linfatico dei bambini, spesso fonte di preoccupazione per i genitori quando mostrano segni di infiammazione o problemi respiratori. In questo articolo, cercheremo di spiegare cosa sono esattamente le tonsille e le adenoidi, i sintomi che indicano un problema e le opzioni di trattamento disponibili, concentrandoci in particolare sulla loro rimozione tramite intervento chirurgico.

Cosa sono le tonsille e le adenoidi?

Le tonsille sono piccole masse di tessuto linfoide situate ai lati della gola, dietro le mucose. Le adenoidi, invece, sono simili a delle tonsille, ma si trovano nella parte posteriore della gola, sopra il palato molle, e non sono visibili direttamente senza l’ausilio di uno specchio o di strumenti medici specializzati. Entrambe le tonsille e le adenoidi fanno parte del sistema immunitario e sono coinvolte nella difesa del corpo contro infezioni e agenti patogeni.

Problemi alle tonsille e alle adenoidi: quali sono

Quando le tonsille e le adenoidi diventano infiammate o ingrossate, possono causare una serie di sintomi fastidiosi nei bambini. Tra i segni più comuni di problemi alle tonsille e alle adenoidi ci sono:

  • Mal di gola persistente.
  • Difficoltà a deglutire o dolore durante la deglutizione.
  • Alitosi cronica.
  • Russare e apnee notturne.
  • Infezioni frequenti del tratto respiratorio superiore.
  • Problemi di udito o otite ricorrente.

Se tuo figlio manifesta uno o più di questi sintomi, è importante consultare un medico per una valutazione approfondita.

Tonsille e adenoidi: la rimozione chirurgica

Quando i problemi alle tonsille e alle adenoidi diventano persistenti o causano gravi disturbi, il medico potrebbe raccomandare la loro rimozione tramite un intervento chirurgico chiamato tonsillectomia e adenoidectomia. Questo intervento viene eseguito in anestesia generale e di solito richiede solo poche ore di permanenza in ospedale.

Durante la tonsillectomia, il chirurgo rimuove completamente le tonsille attraverso la bocca del paziente, senza lasciare alcuna cicatrice esterna. Per quanto riguarda l’adenoidectomia, le adenoidi vengono rimosse attraverso la bocca o il naso del bambino.

Benefici della rimozione chirurgica

La rimozione chirurgica delle tonsille e delle adenoidi può portare a diversi benefici per i bambini affetti da problemi cronici. Tra i vantaggi più comuni ci sono:

  • Riduzione delle infezioni del tratto respiratorio superiore.
  • Miglioramento della qualità del sonno, riducendo il russare e le apnee notturne.
  • Alleviamento dei sintomi come mal di gola, difficoltà a deglutire e alitosi.
  • Riduzione del rischio di complicanze associate a infezioni persistenti.

Considerazioni

Le tonsille e le adenoidi giocano un ruolo importante nel sistema immunitario dei bambini, ma possono diventare fonte di problemi quando diventano infiammate o ingrossate. Monitorare attentamente i sintomi e consultare un medico in caso di problemi persistenti è fondamentale per garantire una corretta diagnosi e un trattamento tempestivo.

Se il medico consiglia la rimozione chirurgica delle tonsille e delle adenoidi, è importante discutere in dettaglio i rischi e i benefici dell’intervento, così come le alternative disponibili. Con la giusta assistenza medica, molti bambini possono beneficiare della rimozione chirurgica delle tonsille e delle adenoidi, migliorando la loro salute e il loro benessere complessivo.

Rate this post
0/5 (0 Recensioni)

Autore

  • Nardecchia Fabrizia

    Autore: Fabrizia Nardecchia Ho iniziato a fare la giornalista “ufficialmente” 10 anni fa, ma in realtà, come ha sempre detto mia madre, sono nata con questa passione. Sin da piccola il mio gioco preferito era prendere appunti su quel che accadeva tra le mura domestiche, sedermi dietro una scrivania e immaginare di presentare un telegiornale. E come dire…la parlantina non mi è mai mancata! Laureata in Scienze della Comunicazione presso La Sapienza di Roma. Giornalista pubblicista, specializzata in giornalismo di cronaca, food e salute. Formazione lavorativa all’interno di testate giornalistiche, associazioni e agenzie di comunicazione. Adoro i bambini e gli animali, non credo ci sia al mondo qualcosa di più innocente ed emozionante di queste anime. Amo viaggiare, leggere, ascoltare i suoni della natura, l’arte e la musica. Questa sono io!

Mostra di più

Nardecchia Fabrizia

Autore: Fabrizia Nardecchia Ho iniziato a fare la giornalista “ufficialmente” 10 anni fa, ma in realtà, come ha sempre detto mia madre, sono nata con questa passione. Sin da piccola il mio gioco preferito era prendere appunti su quel che accadeva tra le mura domestiche, sedermi dietro una scrivania e immaginare di presentare un telegiornale. E come dire…la parlantina non mi è mai mancata! Laureata in Scienze della Comunicazione presso La Sapienza di Roma. Giornalista pubblicista, specializzata in giornalismo di cronaca, food e salute. Formazione lavorativa all’interno di testate giornalistiche, associazioni e agenzie di comunicazione. Adoro i bambini e gli animali, non credo ci sia al mondo qualcosa di più innocente ed emozionante di queste anime. Amo viaggiare, leggere, ascoltare i suoni della natura, l’arte e la musica. Questa sono io!

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio