sabato, Maggio 8, 2021
Home mamme Smart Working: la situazione italiana delle mamme

Smart Working: la situazione italiana delle mamme

Dall’Osservatorio Statistico del Consulenti del Lavoro, dopo la situazione d’emergenza data dal Coronavirus in Italia, è stato rilevato che le opportunità offerte dal lavoro in smart working,  vissuto a causa del Covid più come home working, è una modalità di lavoro troppo poco diffusa nel nostro paese, ma rivelatasi provvidenziale. Si è letteralmente acceso una faro nella nebbia, dopo queste considerazioni.
Tra il Coronavirus arrivato in Italia come un fulmine a ciel sereno e il Decreto del 23 febbraio , il numero di “telelavoristi”, è raddoppiato da un giorno all’altro e, in due sole settimane, hanno dato vita al più veloce esperimento di smart working del mondo con oltre 8 milioni di lavoratori.
smart working

La situazione delle mamme italiane

Secondo i dati Eurostat riportati nel 2018, le occupate dipendenti che potevano  lavorare da casa erano circa una su otto , ovvero il 12,1% in tutta Europa, abitualmente  il 3,4% e saltuariamente l’ 8,7%.
Con le grandi differenze da Paese a Paese: nei Paesi del Nord Europa è una realtà per una mamma lavoratrice su quattro, di contro in Italia c’è la percentuale più bassa del continente, le lavoratrici smart worker tra le dipendenti sono solo il  2,2% del totale.
Lo strumento dello smart working e la sua applicabilità, sono correlate alla tipologia di lavoro svolto e ciononostante, una sua maggiore diffusione come valido strumento potrebbe essere possibile e auspicabile, sotto molti punti di vista.

Coronavirus Grazie

Paradossale come la pandemia che ci ha colpiti, ma l’emergenza ha dato un notevole impulso a questa modalità di lavoro, che consente ai dipendenti di molte aziende appunto,sopratutto se sono genitori, di lavorare da casa e riuscire a conciliare davvero le necessità dell’emergenza e quelle professionali.
Ma la differenza tra il lavoro da casa imposto dall’emergenza Covid-19 e il vero smart working, come definito dalla legge 81/2017 la troviamo nel fatto che, da una parte, sotto emergenza era lavorare da casa negli orari prescritti dall’azienda, dall’altra parte, lo smart working normalmente inteso, è in verità, lavorare in modo “flessibile”, cioè scegliendo insieme all’azienda orari, luoghi e tecnologie.

Mamme lavoratrici da casa in crisi: perché

In una prospettiva ideale i genitori che possono lavorare in smart working, gestiscono i tempi e gli spazi del lavoro e quelli della famiglia,traendone vantaggio sulla redistribuzione dei carichi famigliari che normalmente sono impiegati solo dalla mamma, ma in caso di lavoratrici a casa, possono e devono essere redistribuite tra entrambi i genitori.
Purtroppo nelle famiglie monogenitoriali, la  prospettiva di lavoro agile potrebbe aiutare e una mamma o un papà single avrebbe il vantaggio di potersi gestire il tempo ottimizzandone la redistribuzione tra lavoro e cura dei bambini.
Ma c’è un grande ma, l’ultimo rapporto della CGIL del 18 maggio 2020,dopo un’ indagine condotta tra il 20 aprile e il 9 maggio, rileva che per le donne questa modalità di lavoro è pesante, complicata e spesso alienante e stressante, mentre per gli uomini è indifferente dal lavoro tradizionale, se non più stimolante.
Rimane il fatto che il lavoro da casa imposto dall’emergenza rimarrà un esperimento importante per il futuro, mettendo in evidenza i limiti della banda larga domestica nazionale da cui rimangono esclusi il 76% degli utenti, contro il 40% della media europea.
Senza tralasciare il fatto che lo smart working potrà essere vantaggioso anche per i datori di lavoro oltre che per i lavoratori e le lavoratrici, anche dopo la fine dell’emergenza, meno traffico e intasamento per le strade delle città e riduzione dei tempi impiegati per raggiungere l’ufficio o la sede lavorativa.
Importantissimo sottolineare come questo impegno spingerà donne e uomini a rivedere la condivisione dei carichi di lavoro domestico e cura della prole,slittando verso un riequilibrio dei ruoli domestici.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook
RELATED ARTICLES

Le spine di pesce: come evitare rischi nei bambini

Il pesce è un alimento molto importante nell'alimentazione dei bambini. Per molti genitori, però, può risultare difficile convincere il proprio piccolo a mangiarlo, visto...

Cioccolato ai bambini: a quanti anni si può mangiare e in che quantità

Il cioccolato è sicuramente uno degli alimenti più richiesti, soprattutto dai bambini. Spesso viene riconosciuto come una sorta di premio o a fine pasto....

Babywearing: cosa significa portare in fascia i neonati?

Ultimamente è tornato alla ribalta un tema che, non ci crederete, in realtà esiste da secoli: il babywearing. Questa parola inglese non significa altro...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Parto in acqua: come si svolge, benefici e controindicazioni

Sono sempre di più le future mamme che valutano la possibilità di partorire in acqua. L'idea e la sensazione di esser immerse in una...

Le spine di pesce: come evitare rischi nei bambini

Il pesce è un alimento molto importante nell'alimentazione dei bambini. Per molti genitori, però, può risultare difficile convincere il proprio piccolo a mangiarlo, visto...

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi...

Come gestire l’arrivo di un fratellino: consigli per evitare la gelosia

Quando in casa si preannuncia l'arrivo di un nuovo bambino, c'è sempre tanto fermento. Molto spesso, l'euforia legata alla nuova nascita, fa passare in...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere