Soffio al cuore neonato: è pericoloso? Facciamo chiarezza

Soffio al cuore neonato: è pericoloso? Facciamo chiarezza

Il soffio al cuore, conosciuto anche come soffietto al cuore, altro non che quel un rumore che il pediatra avverte quando ascolta il cuore di un bambino con il fonendoscopio.

Parlando di soffio al cuore ci viene immediatamente pensare a qualcosa di patologico: negli adulti infatti questo disturbo è provocato da problemi alle valvole cardiache o da altre malattie.
Ma nei neonati è diverso: molto comuni tra i bambini appena nati, non sono legati alla compromissione della salute che infatti, nella maggior parte dei casi, vede il soffio al cuore solo come un fenomeno fisiologico transitorio. che non deve preoccupare; e oggi vedremo il perché!
Leggi anche:

Ittero nei neonati: tutto quello che devi sapere

Mughetto nei neonati: cos’è, sintomi e come trattarlo

soffio al cuore neonato

Soffio al cuore neonati

Il soffio è tecnicamente un’ alterazione dello scorrimento del sangue all’interno delle cavità cardiache , quindi degli atri e ventricoli, attraverso le valvole cardiache e nelle arterie collegate al cuore stesso.

Se il flusso del sangue attraverso queste strutture è tranquillo , cioè laminare, è anche silenzioso, e il pediatra non sente nulla durante la visita, come se sentisse lo scorrere del rubinetto dell’acqua senza intoppi.
Ma quando questo flusso diventa alquanto turbolento allora genera un rumore che viene percepito dal dottore come un soffio, come se sotto quel flusso dell’acqua del rubinetto inserissimo un cucchiaio.

Dobbiamo preoccuparci?

quando ai neo genitori viene detto, in occasione della visita, le parole:“il bambino ha un soffio al cuore”, sobbalzano e si preoccupano immediatamente,ma occorre sapere che:

  • non è una malattia, ma un suono diverso che il medico sente alla visita;
  • moltissimi neonati e bambini ce l’ hanno e viene detto innocente o funzionale, senza avere alcuna malattia del cuore;
  • solo raramente il soffio è causato da una malattia; allora in questo caso viene chiamato  organico o patologico e sarà il pediatra indicare poi la miglior soluzione, con l’aiuto di esami specifici e di un cardiologo pediatra.

Soffio al cuore sintomi e cause

Un soffio innocente viene ‘diagnosticato’ in età prescolare e scolare, sopratutto  tra i 3 ed i 7 anni, ed è molto probabileche non sia stato rilevato prima.

La sua frequenza in questa età è tra 50 e 90%, indipendentemente se maschi o femmine.

Nel caso dei bambini quella turbolenza di cui parlavamo, del flusso sanguigno che provoca il soffio, si sviluppa in un cuore del tutto normale.

Le situazioni che lo causano sono:

fisiologiche come:

  • età: i bambini piccoli hanno una frequenza cardiaca costantemente più elevata dell’adulto e dei bambini più grandi, quindi il loro cuore batte più velocemente.Questa aumentata frequenza – i bambini hanno un cuore dinamico- può generare aumenti della velocità del flusso di sangue nel momento dell’ espulsione, soprattutto dal ventricolo sinistro verso l’aorta, che provoca piccole turbolenze che vengono ascoltate dal medico come un soffio,durante la visita ;
  • paura o altre forti emozioni sono in grado di provocare un aumento transitorio della frequenza cardiaca;

dovute a malattie esterne al sistema cardiocircolatorio :

  • malattie febbrili: la febbre provoca un aumento della frequenza cardiaca;
  • ipertiroidismo: ovvero la la tachicardia (aumento della frequenza cardiaca);
  • anemia: in un soggetto anemico il sangue è meno denso e acquista una maggiore velocità di flusso in grado di generare un soffio.

I soffi innocenti tendono a scomparire con la crescita.

Cause del soffio organico o patologico

Il soffio cardiaco organico,patologico per intenderci, invece si genera in presenza di anomalie vere e proprie nell’anatomia del cuore.
Queste anomalie riguardano le pareti che fanno da divisori delle camera cardiache , si avrà quindi difetti interventricolari), oppure le valvole cardiache (valvulopatie) o il muscolo cardiaco (cardiomiopatie).


Ii soffi patologici nei bambini sono legati a problematiche che avevano già dalla nascita (cardiopatie congenite); con una frequenza poco inferiore all’1%.

In rari casi i soffi patologici sono dovuti ad una malattia (ad es. la malattia reumatica)che va a colpire dopo la nascita un cuore che è invece nato sano (cardiopatie acquisite).

Come distinguere i due tipi di soffio al cuore

Tramite il  fonendoscopio, il pediatra analizza alcune caratteristiche del soffio cardiaco che possono indirizzare verso la presenza di un soffio e categorizzarlo come innocente o patologico, parliamo di:

  • la tonalità,
  • intensità,
  • irradiazione,
  • durata

Se l’ascolto fa porre dei dubbi della presenza di un soffio patologico, il pediatra farò fare una visita cardiologica e una ecocardiografia color doppler.

Il riscontro di un’anomalia cardiaca tramite l’ecocardiogramma, per la maggior parte delle volte richiede solo un monitoraggio, quindi spesso dovranno sottoporsi a visite cardiologiche ed esami strumentali di controllo; ma tutto qui. Nessun intervento massiccio.

Altre volte al primo esame, il cardiologo pediatra potrebbeprescrivere esami di secondo livello ( come l’Ecocardiogramma transesofageo, la TAC cuore, la RMN cardiaca o il Cateterismo cardiaco).

Quindi, ricapitolando,alcuni bambini hanno soffi al cuore innocenti ma non lo verranno nemmeno mai a sapere, compresi i loro genitori : perché si tratta di un fenomeno tipico della prima infanzia che non dà sintomi e non disturba. Lasciando la qualità della vita ottimale.

Se al vostro bambino appena nato viene diagnosticato un soffio al cuore benigno, non preoccupatevi: sarà poi il pediatra che, attraverso lo stetoscopio, vi dirà se il rumore causato dal soffio al cuore vuole ulteriori indagini.
Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!
Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *